VAI ALLA LISTA DELLE GIORNATE DI SCAVO

CAMPAGNA 2017

1° SETTIMANA

2° SETTIMANA

3° SETTIMANA

4° SETTIMANA

5° SETTIMANA

6° SETTIMANA

7° SETTIMANA

8° SETTIMANA

VAI ALLE CAMPAGNE

02 AGOSTO 2017  

Resoconto della giornata di scavo

Area 3000

Nella porzione nord-occidentale del settore, a ridosso della facciata dell’abbazia di XII secolo, è stata completata la messa in luce dell’individuo USK 3867, deposto in decubito dorsale all’interno della fossa US – 3801, di cui si conservano alcune pietre di media pezzatura che dovevano costituire i resti di una vera e propria struttura litica, che ospitava il defunto. Dell’inumato, un adulto apparentemente di corporatura esile, si conservano solamente le tibie, distese, le fibule ed i piedi; il resto del corpo è stato intercettato ed asportato dalla fossa di fondazione della facciata di XII secolo USM 3335. Lungo il margine interno della tomba sono stati individuati alcuni chiodi, appartenenti probabilmente ad un tavolato ligneo che ricopriva originariamente il corpo del defunto. Più ad est è stato esposto l’individuo USK 3857, orientato W-E e deposto supino in US – 3815; attorno al cranio dell’inumato, in apparizione superiore, con il facciale piuttosto schiacciato e frammentato, è presente una sorta di alveolo cefalico, costituito da alcuni elementi litici di media pezzatura; l’arto superiore destro è disteso lungo il corpo con la mano in corrispondenza del femore, mentre il sinistro è leggermente flesso sul bacino. Gli arti inferiori sono distesi, con i piedi leggermente sovrapposti. La testata dell’alveolo cefalico dell’individuo in questione sembra costituire la parete orientale dell’alveolo cefalico di un altro inumato, USK 3866, orientato N-S e deposto supino immediatamente ad ovest di USK 3857. La vicinanza, non solo geografica, ma anche cronologica, fra le due sepolture sarà meglio chiarita nei prossimi giorni.

GUARDA L'ULTIMO REPORT VIDEO

Diario visualizzato 93 volte

GALLERIA DI IMMAGINI

VAI ALLE GALLERIE