VAI ALLA LISTA DELLE GIORNATE DI SCAVO

CAMPAGNA 2011

1° SETTIMANA

2° SETTIMANA

3° SETTIMANA

4° SETTIMANA

5° SETTIMANA

6° SETTIMANA

VAI ALLE CAMPAGNE

06 LUGLIO 2011  

Resoconto della giornata di scavo

Area 2000

Prosegue l’indagine della paleosuperficie US 2009, estesa su tutta l’area di scavo e sembra profilarsi una situazione particolarmente complessa, caratterizzata da zone ricche di ossa frammentate e sparse di epoca moderna, la maggior parte delle quali sono rasate da uno sbancamento realizzato in epoca moderna che ne ha compromesso fortemente la preservazione: nella porzione centro-settentrionale dell’area è stato messo in luce, documentato e rimosso il primo individuo in connessione (US 2031), di cui rimanevano conservati soltanto gli arti inferiori; quanto agli altri reperti osteologici, sono stati messi in luce alcuni scheletri nella porzione centrale e nell’allargamento occidentale effettuato nella mattinata.
Contemporaneamente, nella porzione sud orientale del saggio, la rimozione di US 2009 ha messo in evidenza  una concentrazione di pietre di piccole medie dimensioni che sembrano allineate in senso sud-nord: si ipotizza che possano costituire la fondazione di una struttura muraria la cui entità deve ancora essere accertata.

Area 3000


Area 4000

È stato aperto un nuovo saggio di scavo di 6x4 m posto a sud-ovest della chiesa di San Pietro per allargare l’indagine alle strutture afferenti all’antico monastero Camaldolese. La rimozione dello strato humotico superficiale (US 4001) ha permesso di individuare una serie di scarichi artificiali di terreno frammisto a rifiuti edili risalenti anni recenti; nella porzione nord-occidentale è stata individuato uno scasso subrettangolare riempito di terreno sabbioso e macerie che costituiva in origine la buca di un impianto per l’alloggiamento di un albero. Tra i materiali recuperati numerosi sono i reperti ceramici risalenti al XIX e XX secolo.

GUARDA L'ULTIMO REPORT VIDEO

Diario visualizzato 1331 volte

GALLERIA DI IMMAGINI

VAI ALLE GALLERIE