HOME CONTATTI      

 

 

SCAVO ARCHEOLOGICO DI
BENABBIO

 


Cerca tra le giornate di scavo
STORIA DEL SITO TOPOGRAFIA ARCHEOLOGIA MULTIMEDIA IMMAGINI
:: 1° Settimana | CAMPAGNA 2013 ::
Dimensione testo: Piccolo | Medio | Grande
 
CAMPAGNA 2013
1° SETTIMANA
02 SETTEMBRE 2013
03 SETTEMBRE 2013
04 SETTEMBRE 2013
05 SETTEMBRE 2013
06 SETTEMBRE 2013
07 SETTEMBRE 2013
2° SETTIMANA
09 SETTEMBRE 2013
10 SETTEMBRE 2013
11 SETTEMBRE 2013
12 SETTEMBRE 2013
13 SETTEMBRE 2013
14 SETTEMBRE 2013
3° SETTIMANA
16 SETTEMBRE 2013
17 SETTEMBRE 2013
18 SETTEMBRE 2013
19 SETTEMBRE 2013
20 SETTEMBRE 2013
21 SETTEMBRE 2013
4° SETTIMANA
23 SETTEMBRE 2013
24 SETTEMBRE 2013
25 SETTEMBRE 2013
26 SETTEMBRE 2013
27 SETTEMBRE 2013
28 SETTEMBRE 2013
CAMPAGNE PRECEDENTI
Giornata precedente: 04 SETTEMBRE 2013
Giornata successiva: 06 SETTEMBRE 2013

05 SETTEMBRE 2013
Resoconto della giornata di scavo

METEO

Area 1000

Continua l’indagine del settore D1 con la rimozione dello strato US 1906, caratterizzato da una matrice argillo-limosa, di colore bruno-rossastro con inclusi litici e di consistenza compatta, esteso uniformemente nella porzione nord-orientale del settore. Lo strato di origine artificiale e tagliato da alcune buche per l’alloggiamento di pali e su cui insistono un focolare (US 1924) e un allineamento di elementi litici (US 1946), è stato realizzato per regolarizzare il dislivello del terreno, che tende a degradare verso est. La rimozione di US 1906 ha messo in evidenza uno strato (US 1952) a matrice prevalentemente argillo-limosa, tagliato nella porzione nord-orientale da una fossa di forma ellittica, orientata NW-SE, la cui messa in luce sarà approfondita nel corso della giornata di domani.

Area 4000

Continua la messa in luce della roccia di base nel settore B dell'area 4000. Oggi infatti è stato rimosso quasi del tutto lo strato US 4030, che si presenta come un accumulo di sedimento a matrice argillo-sabbiosa. Mentre la porzione est di questo era caratterizzata dalla presenza di alcune pietre immerse nello strato, nella parte ovest sembra comparire della malta in disfacimento. 

Area 9000

Nella giornata di oggi è stata ultimata la pulizia iniziale dell’area, con la rimozione del livello humotico presente sull’intera estensione dell’ambiente meridionale (US 9000). Al di sotto di essa è stata rinvenuta una grande situazione di crollo (US 9006), composto da elementi litici di medie e grandi dimensioni. Al di sopra di esso è stato individuato un allineamento di pietre di medie dimensioni (US 9005) con orientamento N-S ed esteso per 1,00 mt c.a.; probabilmente relativo ad una fase di vita dell’area in epoca contemporanea. Lungo il limite meridionale dell’ambiente è stata messa in luce una fossa (US -9008), di forma subrettangolare ed orientata E-O. Essa risulta riempita da uno strato sabbio-humotico di colore marrone scuro (US 9007) in cui sono stati rinvenuti frammenti ceramici di epoca precontemporanea probabilmente relativa alle fasi di vita ottocentesche. La pulizia dell’ambiente ha permesso di evidenziare il limite nord-occidentale della struttura, rappresentato da un cantonale cieco all’estremità settentrionale della parete ovest; sembra dunque che la struttura medievale, per quanto riguarda la porzione occidentale, non sia direttamente relazionata alla parte posteriore della cisterna.


BACHECA DEI COMMENTI ALLA GIORNATA DI SCAVO

VAI ALLA PAGINA DEI COMMENTI

Il resoconto di questa giornata è stato letto da 3125 persone.

IMMAGINI
VAI ALLA GALLERIA
<p>Area 1000: comparazione dell'area alll'apertura e dopo questa giornata di scavo</p>

Area 1000: comparazione dell'area alll'apertura e dopo questa giornata di scavo


<p>Area 1000: US 1937</p>

Area 1000: US 1937


<p>Area 1000: gli archeologi a lavoro</p>

Area 1000: gli archeologi a lavoro


<p>Area 4000: fasi di scavo</p>

Area 4000: fasi di scavo


<p>Area 9000 : panoramica dell'area dopo la pulizia iniziale. </p>

Area 9000 : panoramica dell'area dopo la pulizia iniziale. 


 
 
www.paleopatologia.it
Il contenuto del sito è di proprietà del Dipartimento di Oncologia, dei Trapianti e delle Nuove Tecnologie in Medicina dell'Università di Pisa.
Per la sua riproduzione, anche parziale, si prega di contattare il webmaster
Creative Commons License Benabbio onLine Badia Pozzeveri