HOME CONTATTI      

 

 

SCAVO ARCHEOLOGICO DI
BENABBIO

 


Cerca tra le giornate di scavo
STORIA DEL SITO TOPOGRAFIA ARCHEOLOGIA MULTIMEDIA IMMAGINI
:: 4° Settimana | CAMPAGNA 2013 ::
Dimensione testo: Piccolo | Medio | Grande
 
CAMPAGNA 2013
1° SETTIMANA
02 SETTEMBRE 2013
03 SETTEMBRE 2013
04 SETTEMBRE 2013
05 SETTEMBRE 2013
06 SETTEMBRE 2013
07 SETTEMBRE 2013
2° SETTIMANA
09 SETTEMBRE 2013
10 SETTEMBRE 2013
11 SETTEMBRE 2013
12 SETTEMBRE 2013
13 SETTEMBRE 2013
14 SETTEMBRE 2013
3° SETTIMANA
16 SETTEMBRE 2013
17 SETTEMBRE 2013
18 SETTEMBRE 2013
19 SETTEMBRE 2013
20 SETTEMBRE 2013
21 SETTEMBRE 2013
4° SETTIMANA
23 SETTEMBRE 2013
24 SETTEMBRE 2013
25 SETTEMBRE 2013
26 SETTEMBRE 2013
27 SETTEMBRE 2013
28 SETTEMBRE 2013
CAMPAGNE PRECEDENTI
Giornata precedente: 27 SETTEMBRE 2013

28 SETTEMBRE 2013
Resoconto della giornata di scavo

METEO

Generale

Si conclude questa campagna di scavi archeologici al Castello di Benabbio.

Un sentito ringraziamento va a chi ha preso parte e organizzato il cantiere:

Francesca Bina
Alessandro Cariboni
Isabella Carli
Letizia Cavallini
Francesco Coschino
Alan Farnocchia
Antonio Fornaciari
Federica Francesconi
Teodoro Palligra
Vanessa Panzani
Gisella Pisana
Maria Francesca Pullia
Chiara Ravera
Maurizio Sparavelli
Federico Specos
Fabio Stratta
Silvia Testi

Si ringraziano inoltre:
La Soprintendenza per i Beni Archeologici della Toscana
Il Comune di Bagni di Lucca
La Fondazione Cassa di Risparmio di Lucca
L’Associazione Michel de Montaigne
Tutta la comunità di Benabbio
Massimo Michelini e il CAV Pieve Fosciana
Gerardo Neri
Aurelio Tognarini
Enrico Viviani

I ristoranti “Acquolina in Bocca” e “Cavallino Bianco” di Benabbio


In volo sull'Area 1000 (cortesia Enrico Viviani)

Area 1000

L’indagine archeologica nel Settore D dell’Area 1000 si conclude dando risposta ai due quesiti scientifici che avevano aperto questa campagna:

  1. DEFINIZIONE DEI RAPPORTI CRONOLOGICI TRA LE STRUTTURE: dall’analisi delle relazioni stratigrafiche murarie si è potuto accertare che sia la facciata della chiesa, che l’edificio D10 ad essa prospiciente, si impostano, appoggiandovisi, al muro di cinta USM 1301=1385, la cui costruzione si posiziona dunque su fasce cronologiche più alte; coeva o addirittura anteriore ad esso, la struttura USM 1961. Il rapporto tra la chiesa e l’ambiente D10 è stato infine analizzato sulla base delle osservazioni stratigrafiche sulle fondazioni, tenendo conto del fatto che il piano di taglio di quelle dell’edificio, pur fondato a quote più elevate e con meno interro sotto la risega rispetto alla chiesa, parte da un livello cronologicamente anteriore di almeno un secolo ad essa.
    In tal prospettiva si può dunque elaborare una simile cronologia assoluta:
    • Cinta muraria: secolo XI
    • Edificio D10: secolo XII
    • Chiesa di San Michele: anno di fondazione 1218
  2. INDAGINE DEI PRIMI LIVELLI INSEDIATIVI DEL COLLE NORD: il raggiungimento dello strato anantropico di origine colluviale US 1917 ha permesso di localizzare le tracce di frequentazione più precoci in un periodo anteriore alla prima metà dell’XI secolo, epoca a cui risale, come detto, la plausibile messa in opera della cortina muraria catsrense.
Cronologia delle strutture dell'Area 1000

Area 4000

Settore A: la rimozione dell'US 4053 ci ha permesso di individuare un nuovo strato (US 4085) caratterizzato dalla presenza di alcune piccole lastre posizionate orizzontalmente rispetto al terreno. Questo livello è intercettato da tre buche a sezione circolare, localizzate una nell'angolo nord-ovest del settore (US -4087), una seconda nel centro dell'area a ridosso della struttura muraria US 4004 e una terza nell'angolo sud-est. E' ipotizzabile che queste evidenze siano riferibili a una fase di ristrutturazione del circuito murario in questa zona del castello. I tagli sarebbero serviti a sorreggere un'impalcatura lignea costruita a ridosso dei paramenti murari interni di US 4004 e di US 4042. E' presente un ulteriore taglio (US -4077) nell'angolo sud-ovest, all'incrocio delle strutture murarie US 4004 e US 4042, che differisce nella morfologia dagli altri sopra descritti. Infatti ha una sezione quadrangolare e le pareti nord ed est foderate da pietre  di piccole dimensioni. E' possibile che quest'ultima buca avesse una funzione diversa rispetto alle altre e nello specifico non è da scartare l'ipotesi che potesse servire come canalee di scarico. Infine un'accurata pulizia di US 4052 ha permesso di individuare una chiazza composta da argilla termotrasformata e materiale combusto (US 4091). Risulta quindi evidente la preenza di un paleosuolo che occupa l'intera superficie del settore A e che testimonia la continuità di vita in questa porzione del castello legata ad una frenetica attività di ristrutturazione.

Settore B: lo scavo di questo settore ci ha permesso di mettere completamente in luce la struttura muraria di US 4079, già individuata la settimana scorsa. Il muro è composto da due paramenti che contengono un sacco formato da pietre non lavorate legate con una malta molto terrosa. Un'attenta analisi ha reso possibile la comprensione di un rapporto di anteriorità di US 4079 rispetto al lacerto di muro di cinta US 4068. Questi ultimi ritrovamenti ci pongono ulteriori domande riguardo alle prime frequentazioni in quest'area, quando la configurazione del castello doveva apparire estremamente differente rispetto a quella osservabile nel XIII-XIV secolo.  

Area 9000

Nel corso dell’ultima settimana di scavo è stata terminata l’indagine nell’area, con il raggiungimento della roccia di base (US 9020) sull’intera superficie oggetto di studio.  Alla luce delle osservazioni fino ad ora effettuate, è stato possibile innanzitutto determinare il riutilizzo dell’ambiente in epoca post medievale con la realizzazione di un piccolo terrazzamento sulla metà settentrionale dell’edificio (UUSS 9016, 9011, 9021 e 9018). Questa situazione sembra impostarsi su una precedente fase, probabilmente medievale, in cui la roccia di base (US 9020) è stata livellata sul piano orizzontale. Relativamente alla funzione di questa superficie si pensa possa trattarsi di un’azione legata alla fase cantierale dell’edificio o di una scelta progettuale nell’ottica di ricavare un ambiente di servizio nella porzione inferiore della struttura. Tra i punti ancora da chiarire rimane la questione relativa agli accessi dell’ambiente : nella porzione nord sono presenti delle cesure nell’elevato che impediscono di stabilire dei rapporti diretti con la cisterna e quindi una cronologia relativa fra le due strutture. Eventuali indagini nelle immediate vicinanze dell’area potrebbero chiarire tanto la funzione di tali aperture quanto la relazione fra i due edifici.


BACHECA DEI COMMENTI ALLA GIORNATA DI SCAVO

Il 03 OTTOBRE 2013 Sara ha scritto:
Come sempre siete stati eccezionali. vi apsettiamo il prossimo anno

VAI ALLA PAGINA DEI COMMENTI

Il resoconto di questa giornata è stato letto da 2481 persone.

IMMAGINI
VAI ALLA GALLERIA
<p>Le aree di scavo</p>

Le aree di scavo


<p>Cronologia delle strutture dell'Area 1000</p>

Cronologia delle strutture dell'Area 1000


<p>Area 9000 : panoramica di chiusura lavori.</p>

Area 9000 : panoramica di chiusura lavori.


 
 
www.paleopatologia.it
Il contenuto del sito è di proprietà del Dipartimento di Oncologia, dei Trapianti e delle Nuove Tecnologie in Medicina dell'Università di Pisa.
Per la sua riproduzione, anche parziale, si prega di contattare il webmaster
Creative Commons License Benabbio onLine Badia Pozzeveri