PROGETTO ANTICHE GENTI DI PISA

Lunedý 25 Settembre 2007

 Dimensione testo: Piccolo | Medio | Grande
Presso il Laboratorio della Divisione di Paleopatologia dell’Università di Pisa, sotto la guida di Emanuela Paribeni, direttore della Soprintendenza Archeologica della Toscana, è iniziato il microscavo delle prime due urne cinerarie (T. 191 e T. 192). L’equipe operativa era costituita da Simona Minozzi e da Valentina Giuffra, assegniste presso l’Università di Pisa, da Anna Tosatti, funzionario della Soprintendenza, e da Eloisa Copedè, tirocinante presso l’Università di Firenze. L’apertura dei cinerari è avvenuta con la consulenza dei restauratori del Centro di Restauro della Soprintendenza Archeologica di Firenze, Stefano Sarri e Manuela Nistri.

Fig.3 Fig.4 Fig.5
Fig. 3, 4, 5: Fasi iniziali dello studio del cinerario T. 191: rimozione dell’involucro di imballaggio e prime fasi di pulizia del vaso.