PROGETTO ANTICHE GENTI DI PISA

Mercoledý 17 Ottobre 2007

 Dimensione testo: Piccolo | Medio | Grande
Per il cinerario T.191 si è proceduto alla rimozione completa del coperchio, alla messa in luce delle prime ossa affioranti all’orlo dell’urna ed alla documentazione grafica e fotografica (Fig.9).
Parallelamente il lavoro è proseguito per T.192: i frammenti ceramici attorno all’imboccatura del cinerario sono stati siglati e rimossi (Fig.10 e 11), dopodichè abbiamo iniziato l’estrazione del terreno contenuto nel cinerario. Il contenuto è stato suddiviso in strati fino alla messa in luce dei primi frammenti ossei (Fig.12).

fig.9: Cinerario T.191 dopo la rimozione del coperchio. fig10: Cinerario T.192 prima della rimozione dei frammenti che costituivano il coperchio. fig.11: Cinerario T.192, messa in luce dell’urna funeraria dopo la rimozione dei frammenti che costituivano il coperchio.
fig.12: interno dell’urna dopo la rimozione di diversi strati di terreno e messa in luce dei primi frammenti ossei.