PROGETTO ANTICHE GENTI DI PISA

Mercoledý 28 Novembre 2007

 Dimensione testo: Piccolo | Medio | Grande
I cinerari T.98 e T.205 sono stati completamente svuotati, ripuliti e nuovamente imballati per la consegna al centro di restauro di Firenze.

Sono stati aperti due nuovi cinerari: T.181 e T.182, entrambi incompleti e frammentati ed in pessimo stato di conservazione (Figg.21 e 22). Dopo la pulizia dell’esterno dei vasi, il consolidamento dei frammenti ceramici è stato rimosso il contenuto. Per il cinerario T.182 è stato necessario effettuare un consolidamento esterno in gesso. Dopo l’essiccamento della velatura, sopra la garza è stato applicato uno strato di domopak (nylon) e sopra di esso sono state applicate delle garze imbevute con gesso (Fig.23 A, B, C).

fig. 21: cinerario T.181
fig. 22: cinerario T.182

Figura 23 A, B, C: tre fasi progressive della preparazione del consolidamento in gesso delle pareti del cinerario T.182