Master in Bioarcheologia, Paleopatologia e Antropologia forense

Dimensione testo: Piccolo | Medio | Grande

Destinatari:
il master è aperto alle classi delle lauree in (D.M. 4/8/2000):

  • 5 Lettere, 12 Scienze biologiche, 13 Scienze dei beni culturali, 27 Scienze e tecnologie per l’ambiente e la natura, 31 Scienze giuridiche, 41 Tecnologie per la conservazione e il restauro dei beni culturali.
  • classi delle lauree specialisti- che in (D.M. 28/11/2000):
  • 2/S Archeologia, 6/S Biologia, 12/S Conservazione e restauro del patrimonio storico-artistico, 22/S Giurisprudenza, 46/S Medicina e chirurgia, 52/S Odontoiatria e protesi dentaria, 68/ S Scienze della natura.

lauree di vecchi ordinamenti in:

  • Scienze naturali, Scienze biologiche, Medicina e chirurgia, Lettere, Giurisprudenza, Conservazione dei beni culturali.

Per i cdl non elencati il Consiglio Scientifico si riserva di valutare la possibilità di accedere al master in base al curriculum del candidato.

Direttore:
Maria Giovanna Belcastro (Università di Bologna)

Comitato Scientifico:
Gino Fornaciari (Università di Pisa)
Cristina Cattaneo (Università di Milano)
Antonio Todero (Università di Bologna)
Simona Minozzi (Università di Pisa)
Davide Porta (Università di Milano)


SCARICA BANDO E PIANO DIDATTICO

Presentazione

Il Master intende formare esperti con competenze specifiche nell’ambito dell’antropologia archeologica e forense. Nell’ambito dell’Antropologia e della Scienze Forensi negli anni si sono diversificate diverse discipline (Bioarcheologia, Antropologia forense, Odontologia
forense, Antropologia funeraria, Paleopatologia, Tafonomia, ecc.) che condividono metodologie, tecniche e finalità di indagine volte ad ottenere il maggior numero di informazioni su resti umani rinvenuti in contesti di interesse archeologico e/o forense.
Il confine tra contesto archeologico e forense può essere di difficile demarcazione: il riconoscimento del tempo trascorso dalla morte (millenni, anni, giorni, ore) e l’evidenza di reato possono rendere ragione dei diversi contesti. In entrambi gli ambiti è quindi possibile ricostruire aspetti biologici e comportamentali:
- Profilo biologico (età, sesso, statura, gruppo etnico, stato di salute, ricostruzione del volto, ecc.);
- Causa di morte (naturale-traumatica: lesioni peri mortem, lesioni post mortem);
- Contesto di morte (inumazione, cremazione, sepolture primarie e secondarie, fosse comuni, riti funerari, ecc.);
- Epoca di morte (tempo trascorso dalla morte);
- Paleopatologia (stato di salute e malattie delle popolazioni antiche)

Il Master intende fornire agli studenti e ai frequentanti competenze specifiche e qualificate per operare come Antropologo, figura professionale che unifica le conoscenze e le competenze peculiari degli ambiti sopra citati.
L’Antropologo potrà operare in ambito archeologico a contatto con Università, Soprintendenze, Musei e tutte le strutture volte allo studio e valorizzazione dei resti scheletrici umani per fornire loro analisi e indagini specifiche. La conoscenza della variabilità delle popolazioni umane antiche ed attuali e dei meccanismi che la generano – ambito di studio specifico dell’antropologo – sono elementi fondamentali per inquadrare correttamente lo studio di singoli casi e singoli reperti. Alla luce di questi elementi, ricostruzione del profilo biologico, sociale e culturale degli individui e delle popolazioni cui i resti umani rinvenuti nelle campagne di scavo o facenti parti di collezioni osteologiche identificate facevano parte, sono attività specifiche e peculiari della figura di Antropologo.
L’Antropologo in ambito bio-medico e forense potrà operare nelle Università e nelle USL a contatto con i medici legali per fornire loro supporto in perizie o consulenze tecniche per l'autorità giudiziaria. Inoltre il Master si prefigge lo scopo di ampliare il pacchetto culturale di specifici professionisti che operano nel campo forense che potranno acquisire le competenze necessarie a individuare le tecniche di indagine e richiedere le perizie più opportune in caso di rinvenimento di resti scheletrici di interesse forense.

Docenti della Sede di Pisa:
Gino Fornaciari Paleopatologia e paleonutrizione
Valentina Giuffra Paleopatologia e studio delle mummie
Simona MinozziPaleopatologia dentaria, incinerazioni e tafonomia
Antonio Fornaciari Archeologia Funeraria e Archelogia Funeraria sul campo (Scavo Archeo-antropologico di Badia Pozzeveri)
David Caramella Paleoradiologia
Maura Castagna Paleoistologia
Francesco Coschino Informatica sul campo (Scavo Archeo-antropologico di Badia Pozzeveri)

ACCEDI AL SITO UFFICIALE DEL MASTER

Informazioni Didattiche: Segreteria Didattica Via Selmi, 3 40126 Bologna Tel. +39 051 209 41 96 Fax +39 051 209 41 91 e-mail: antonio.todero@unibo.it

Informazioni Amministrative: Ufficio Master Via Zamboni, 38 40126 Bologna Tel. +39 051 209 81 40 Fax +39 051 209 80 39 e-mail: master@unibo.it web: www.unibo.it


Questo Master rientra nell'offerta formativa del Catalogo Interregionale Altaformazioneinrete che dà la posibilità di richiedere assegni formativi (voucher) messi a disposizione dalle Regioni.
Per info:
www.altaformazioneinrete.it

Sedi delle lezioni:

Laboratorio di Bioarcheologia e Osteologia Forense
Dipartimento di Biologia Evoluzionistica Sperimentale
Alma Mater Studiorum - Università di Bologna
Via Selmi, 3 - Bologna

www.bioarcheologia.it

Laboratorio di Antropologia e Odontologia Forense
Istituto di Medicina Legale e delle Assicurazioni
Università di Milano
Via Mangiagalli, 37 - Milano

www.labanof.unimi.it

Laboratorio di Paleopatologia
Dip Oncologia dei Trapianti e Nuove Tec. in Medicina
Università di Pisa
Via Roma, 55 - Pisa

www.paleopatologia.it

Cantiere Scuola
Scavo Archeo-antropologico di Badia Pozzeveri (Lu)

Numero di posti: 15 partecipanti e 3 uditori
Modalità di selezione: Tiloli ed esame
Quota di partecipazione:
€ 6.000,00 partecipanti
€ 2.500,00 uditori

Lingua: Italiano
Durata: Annuale - full-time
Crediti: 65 CFU | 1625 ore di cui:
Didattica frontale: 225 Ore
Didattica alternativa (laboratori): 315 Ore
Stage: 400 Ore

INFORMAZIONI DI BASE
Anno accademico: 2014-2015
Codice 8271
Livello Primo
Sede Bologna, Milano, Pisa
Costo 6.000,00€ | Prima rata: 3.000,00 euro;Seconda rata: 3.000,00 euro
Scadenza bando venerdì 23 novembre 2014 
Immatricolazione Dal 21/12/2014 al 21/01/2015

Il master intende fornire agli studenti e ai frequentanti competenze specifiche e qualificate per operare come Antropologo (nel settore archeologico e forense) figura professionale che unifica conoscenze e competenze negli ambiti della bioarcheologia, della paleopatologia e dell’antropologia forense.

ATTIVITÀ FORMATIVE

Biologia generale, genetica, anatomia umana, botanica e palinologia, zoologia, archeozoologia, entomologia, osteologia e osteometria, antropologia,paleodemografia, identificazione personale (identikit del morto e profilo biologico), sopralluogo e archeologia forense, preparazione di resti ossei di interesse forense, patologia forense e lesività, istopatologia dell'osso, collezioni scheletriche umane (metodi di studio e applicazioni), fosse comuni e disastri di massa (metodi di studio e identificazione personale), etica e norme di comportamento nello studio di resti umani, istituzioni di diritto e procedura penale, software e hardware per lo studio dei resti scheletrici e le ricostruzioni ambientali, radiologia, studio delle mummie, tafonomia e laboratorio sul campo, archeologia, scavo stratigrafico, archeologia funeraria e laboratorio sul campo, antropologia dentaria, paleopatologia generale e speciale, laboratorio di paleopatologia, laboratorio di ricostruzione craniofacciale, laboratorio di riproduzione tridimensionale fisica e digitale di reperti e superfici, laboratorio di odontologia forense, laboratorio di restauro e ricostruzione di resti scheletrici umani, laboratorio di biorcheologia, museologia e valorizzazione delle collezioni scheletriche.

  • Scavo archeologiaco di Badia PozzeveriEsplora i risultati dello scavo e le straordinarie scoperte
  • Scavo archeologico di BenabbioUn castello medievale e il suo cimitero
  • CangrandeCome morý il signore di Verona?
  • Giovanni dalle Bande Nere e Maria SalviatiIl pi¨ grande condottiero del XVI secolo. Cosa cŔ dietro la sua morte?
  • Ilaria del Carretto e la Cappella GuinigiCosa si cela dentro il monumento funebre di Jacopo Della Quercia?
Scavo archeologiaco di Badia Pozzeveri1 Scavo archeologico di Benabbio2 Cangrande3 Giovanni dalle Bande Nere e Maria Salviati4 Ilaria del Carretto e la Cappella Guinigi5
Summer schoolsProgetto Mummie SicilianeSegui gli scavi di BenabbioFrancesco IMaster in Bioarcheologia, paleopatologia e Antropologia Forense