PROGETTO MEDICI: CONVENZIONE FRA GLI ENTI

di Redazione

Archeologia Funeraria

Articoli
> Archeologia Funeraria > Progetto Medici

Versione stampabile  Dimensione testo: Piccolo | Medio | Grande

Ministero per i Beni e le Attività Culturali
PROGETTO MEDICI - Seconda Fase

Indagine storico-paleopatologica sui resti mortali dei membri del ramo Granducale della Famiglia Medici, sepolti nelle Cappelle Medicee

Convenzione tra:
1.      La Soprintendenza Speciale per il Polo Museale Fiorentino, con sede in Via della Ninna 5, 50122 Firenze, rappresentata dal Soprintendente, nella persona del Prof. Antonio Paolucci, nato a Rimini, il 29 settembre 1939
2.      La Facoltà di Medicina e Chirurgia dell’Università degli Studi di Pisa, con sede in via Roma,55 - 56126 PISA, rappresentata dal Preside, nella persona del Prof. Luigi Murri, nato a Mesagne (Brindisi) il 1 aprile 1942
3.      La Facoltà di Medicina e Chirurgia dell’Università degli Studi di Firenze, con sede nel Policlinico di Careggi, Viale Morgagni 85, 50134 Firenze, rappresentata dal Preside, nella persona del Prof. Gian Franco Gensini, nato a Firenze l’ 11 maggio 1945
4.      L’Opificio delle Pietre Dure e Laboratori di Restauro di Firenze, con sede in Via degli Alfani 78, 50121 Firenze, rappresentato dal Soprintendente, nella persona della Dott.ssa Cristina Acidini, nata a Firenze, il 15 maggio 1951
5.      La Parrocchia di San Lorenzo, con sede in Firenze, Piazza San Lorenzo 9, 50123 Firenze, rappresentata dal parroco “in solidum” Mons Fabrizio Porcinai, nato a Firenze,  il 17 giugno 1945
6.      L’Opera Medicea Laurenziana, con sede in Firenze, Piazza San Lorenzo 9, 50123 Firenze,  rappresentata dal Presidente, nella persona del Dott. Avv. Edoardo Speranza, nato a Firenze, il 14 novembre 1929
7.      L'MGM Biotecnologie, Istituto di Medicina e Genetica Molecolare, con sede legale in Bologna, via Farini n 11 e con sede operativa in Pisa, via Volturno, rappresentato dal Prof. Generoso Bevilacqua, ordinario di anatomia patologica nell’Università di Pisa, nato a Foggia il 2 gennaio 1947

PREMESSO CHE
1.      Le parti indicate ai nn. 1-4 e 6 hanno partecipato alla realizzazione della prima fase, iniziata nel 2003 e completata nel Marzo 2005, del “Progetto Medici”, diretto dal Prof. Gino Fornaciari e coordinato dalla Dr.ssa Monica Bietti per la Soprintendenza Speciale per il Polo Museale Fiorentino e dalla Prof.ssa Donatella Lippi per la Facoltà di Medicina e Chirurgia dell’Università degli Studi di Firenze
2.      Il “Progetto Medici” ha fino ad ora ottenuto risultati di estrema importanza, tali da costituire motivo di interesse per la comunità scientifica e culturale internazionale, con risonanza in tutto il mondo.
3.      Tutte le parti sopra indicate dichiarano il loro interesse alla possibilità che il “Progetto Medici” prosegua, sviluppando e completando gli studi già iniziati e istituendone di nuovi.

TUTTO CIO’ PREMESSO E CONSIDERATO, SI CONVIENE E SI STIPULA QUANTO SEGUE

Art. 1
1.      Le parti si impegnano, ciascuna nell’ambito delle rispettive competenze istituzionali, a consentire l’avvio di una seconda fase del “Progetto Medici”, consistente in studi ed interventi sui corpi degli esponenti della Famiglia  del periodo granducale conservati nelle Cappelle Medicee e sui relativi corredi.
2.      La seconda fase del Progetto è articolata nei seguenti settori operativi e di indagine:
a)      studi archeologici
b)      studi antropologici
c)      studi paleopatologici
d)      studi molecolari
e)      studi medici
f)       studi storici
g)      studi archivistici
h)      studi storico-artistici
i)       studi architettonici
j)       studi climatologici
k)      studi preliminari al restauro
l)       interventi di restauro
m)     progettazione di interventi per le esumazioni al fine del ripristino dello stato iniziale
n)      progettazione conservativa
o)      progettazione museografica

3.      La predetta nuova fase del Progetto avrà una durata di anni 3, con decorrenza  dalla data di sottoscrizione del presente accordo.

Art. 2
1.      Le parti contraenti si assumono ciascuna gli obblighi di seguito specificati:
a)      Soprintendenza Speciale per il Polo Museale Fiorentino:
-         provvederà alle necessarie autorizzazioni di supporto alle ricerche, anche relativamente alla diffusione dei risultati
-         provvederà alle autorizzazioni necessarie per documentazioni fotografiche, documentari, films e quanto altro
-         provvederà al coordinamento delle fasi operative e alla definizione della loro tempistica
-         eseguirà gli studi storico-artistici e archivistici per quanto di competenza
-         eseguirà gli studi necessari alle operazioni di scavo
-         eseguirà, con la consulenza dell’ Opificio delle Pietre Dure e Laboratori di Restauro di Firenze, la progettazione degli interventi di restauro necessari
-         provvederà alla direzione dei lavori di restauro
-         s’impegnerà nella valorizzazione di quanto reperito
b)      Facoltà di Medicina e Chirurgia dell’Università degli Studi di Pisa:
-         Divisione di Paleopatologia (Dipartimento di Oncologia, dei Trapianti e delle Nuove Tecnologie in Medicina) provvederà agli studi archeologici, antropologici e paleopatologici sui corpi dei membri della Famiglia Medici
-         Divisione di Anatomia Patologica e Diagnostica Molecolare ed Ultrastrutturale (Dipartimento di Oncologia, dei Trapianti e delle Nuove Tecnologie in Medicina) provvederà agli studi istologici, istochimici, immunoistochimici  e ultrastrutturali.
c)      Facoltà di Medicina e Chirurgia dell’Università degli Studi di Firenze:
Insegnamento di Storia della Medicina (Dipartimento di Anatomia, Istologia e Medicina legale) provvederà al coordinamento:
-         degli studi storici e d’archivio sulle deposizioni
-         degli studi  sui reperti umani con tecniche di immagine (radiografie e TAC);
-         di alcuni studi di microbiologia molecolare
-         degli aggiornamenti “on line” della ricerca
d)      L’Opificio delle Pietre Dure e Laboratori di Restauro di Firenze
presterà la propria consulenza nei limiti delle disponibilità di tempo e di personale, nonché nel limite delle proprie competenze istituzionali e scientifiche
e)      La Parrocchia di San Lorenzo
collaborerà al fine di reperire i locali idonei all’interno del complesso monumentale laurenziano per la conservazione e l’esposizione di tutti gli oggetti reperiti nella ricognizione delle salme medicee
f)        L’Opera Medicea Laurenziana
provvederà ad attrezzare i locali, in collaborazione con la Soprintendenza Speciale per il Polo Museale Fiorentino
g)      L’ MGM Biotecnologie, Istituto di Medicina e Genetica Molecolare,
provvederà alla esecuzione gratuita degli studi molecolari dei repertiArt.

Art. 3
Direzione scientifica.
La Direzione scientifica del Progetto è affidata al Direttore della Divisione di Paleopatologia dell’Università degli Studi di Pisa, Prof. Gino Fornaciari, il quale si impegna a definire le linee guida di sviluppo del progetto in sede di Comitato scientifico e di gestione

Art. 4
Comitato scientifico e di gestione
1.      Viene istituito un Comitato Scientifico e di gestione, composto da 8 membri, tra cui viene compreso necessariamente il Direttore del Progetto. Il comitato è presieduto dal Soprintendente per il Polo Museale Fiorentino
2.      Gli altri sei membri sono rispettivamente i referenti:  della Soprintendenza Speciale per il Polo Museale fiorentino, ossia il Direttore del Museo (dott.ssa Monica Bietti), della Facoltà di Medicina e
Chirurgia dell’Università degli Studi di Firenze (Prof.ssa Donatella Lippi), della Parrocchia di San Lorenzo, dell’Opera Medicea Laurenziana e dell’Opificio delle Pietre Dure e Laboratori di Restauro di Firenze, dell’MGM Biotecnologie (prof. Generoso Bevilacqua).
3.       Il Comitato dura in carica per l’intera durata della seconda fase del  “Progetto Medici”, salvo
revoca da parte dell’ente di appartenenza, che dovrà provvedere alla nomina del nuovo membro
entro e non oltre 30 giorni comprar Alprazolam online del provvedimento di revoca.

Art. 5
Al Comitato Scientifico e di gestione sono attribuite le seguenti funzioni:
a)      promuovere e coordinare le iniziative per il finanziamento del Progetto e per la gestione dei fondi
b)      definire i protocolli attuativi
c)      monitorare l’andamento dei lavori e dei risultati
d)      definire le modalità di pubblicazione dei risultati scientifici interni e di ricerche affidate concordemente ad altri Istituti e/ o privati
e)      definire le modalità di divulgazione degli studi e dei risultati.
Le parti si impegnano ad attenersi rigorosamente a quanto deliberato dal Comitato in merito ai punti precedenti e a fare in modo che non venga pubblicato o divulgato alcun materiale o risultato relativo agli studi scientifici che non sia conforme alle modalità definite dal Comitato stesso.
Per le deliberazioni di cui ai punti d) ed e) è richiesta l’unanimità.
In merito alle altre questioni, è sufficiente la delibera a maggioranza, in caso di parità prevarrà il voto del Presidente, ossia del Soprintendente.

Art. 6
Le parti contraenti si impegnano a comunicare reciprocamente la partecipazione, organizzazione, frequentazione di qualsiasi evento, convegno, congresso e quant’altro abbia attinenza al Progetto di cui alla presente convenzione, in modo da favorire il coinvolgimento di tutte le strutture interessate.

Art. 7
Le parti si impegnano a finanziare il progetto o con risorse proprie o sollecitando contribuzioni esterne pubbliche e/o private

Letto, firmato e sottoscritto, in Firenze, 8 Febbraio 2006

Prof. Antonio Paolucci
Soprintendente

Soprintendenza Speciale per il Polo Museale fiorentino

Prof. Luigi Murri
Preside
Facoltà di Medicina e Chirurgia dell’Università degli Studi di Pisa

Prof. Gian Franco Gensini
Preside
Facoltà di Medicina e Chirurgia dell’Università degli Studi di Firenze

Dott. Cristina Acidini
Soprintendente
Opificio delle Pietre Dure e Laboratori di Restauro di Firenze

Mons. Fabrizio Porcinai
Parroco “in sollidum” della Insigne Basilica di San Lorenzo

Dott. Avv. Edoardo Speranza
Presidente
Opera Medicea Laurenziana

Prof. Generoso Bevilacqua
MGM- Istituto di Medicina e Genetica Molecolare di Pisa


Articolo inserito il 10 febbraio 2006 e letto 4279 volte

ARTICOLI CORRELATI

AUTOPSY AND EMBALMING OF THE MEDICI GRAND DUKES OF FLORENCE (16TH-18TH CENTURIES)
Developmental hip dysplasia in the Medici family: Giovanna from Austria (1548-1578) and her daughter Anna (1569-1584)
Developmental Hip Dysplasia of Giovanna from Austria (1548-1578) and her daughter Anna (1569-1584): some clarifications
Diffuse idiopathic skeletal hyperostosis in the Medici, Grand Dukes of Florence (XVI century)
ESPLORATA NUOVA SEPOLTURA MEDICEA: FORSE GIANFRANCESCO MARIA
Esplorate le sepolture di due figli illegittimi dei Medici
Food and disease at the Renaissance courts of Naples and Florence: A paleonutritional study
HYDROCEPHALY AT THE MEDICI COURT OF FLORENCE (16TH CENTURY).
I bambini dei Medici affetti da rachitismo
I segreti del duca Francesco Maria I
Il “Progetto Medici”: studio antropologico e paleopatologico dei Granduchi
Le malattie reumatiche alla corte medicea di Firenze: la cosiddetta “gotta” dei Medici
Progetto 'Medici': PRIME ESPLORAZIONI DELLE TOMBE MEDICEE (SECOLI XVI-XVIII)
PROGETTO MEDICI: CONVENZIONE FRA GLI ENTI
Rheumatoid arthritis, Klippel-Feil syndrome and Pott’s disease in Cardinal Carlo de’ Medici (1595-1666)
SECRETS OF THE MEDICI
Skeletons show rickets struck the Medici family
The 'Gout' of the Medici, Grand Dukes of Florence: a palaeopathological study
THE MEDICI PROJECT: FIRST ANTHROPOLOGICAL AND PALEOPATHOLOGICAL RESULTS
 
  DOPPIE ESEQUIE E SCOLATURA DEI CORPI NELL’ITALIA...
DUE OSSARI NEL TRANSETTO DELLA CHIESA DI VERNI...