Valentina Giuffra


Ruoli nella Divisione

  • Direttore
  • Docente della Summer School in Osteoarchaeology and Paleopathology
  • Responsabile del Laboratorio di Paleopatologia della Scuola Medica
  • Direttore della Field School Pozzeveri in Medieval Archaeology and Bioarchaeology
  • Direttore della Summer School in Osteoarchaeology and Paleopathology
  • Professore associato di Storia della Medicina
  • Docente del Corso di Perfezionamento sullo Studio delle Mummie
  • Docente del Master in Antropologia Scheletrica
    Forense e Paleopatologia

Valentina Giuffra


PROFESSORE ASSOCIATO SSD Med02/ Storia della Medicina
DIRETTORE DELLA DIVISIONE DI PALEOPATOLOGIA
Direttore del MUSEO DI ANATOMIA PATOLOGICA
Direttore del CORSO DI PERFEZIONAMENTO in Studio delle mummie
Direttore della FIELDSCHOOL POZZEVERI IN MEDIEVAL ARCHAEOLOGY AND BIOARCHAEOLOGY

  • 24/11/2014 Conseguimento dell’Abilitazione Scientifica Nazionale per la I fascia per il settore 06/A2-Med/02 Storia della Medicina
  • 08/01/2014 Conseguimento dell’Abilitazione Scientifica Nazionale per la II fascia per il settore 06/A2-Med/02 Storia della Medicina

Assegni di ricerca e contratti:

  • 01/04-31/07/15 Borsa di studio presso il Dipartimento di Scienze Biomediche dell’Università di Sassari per “Studio diacronico osteoarcheologico e paleopatologico su campioni ossei di epoca compresa tra il primo medioevo e l’età moderna”
  • 1/2/2013-31/1/15 Assegno di ricerca presso il Dipartimento di Scienze Biomediche dell’Università di Sassari per il progetto “L’origine e la storia della malaria e della leishmania in Sardegna: studio paleobiologico della popolazione sarda dall’Età Prenuragica al Medioevo”
  • 5/05-5/09/2014 Contratto di collaborazione coordinata e continuativa per attività di supporto della U.O. Affari Generali dell’AOUP nell’ambito del progetto di valorizzazione museale e catalogazione del patrimonio strumentario storico
  • 04/06-04/10/2012 Borsa di studio presso il Dipartimento di Scienze Biomediche dell’Università di Sassari per “Approccio paleobiologico alla storia della malaria e della leishmaniosi in Sardegna dall’età Prenuragica al Medioevo”
  • 12/2011-02/2012 Contratto di collaborazione occasionale presso la Divisione di Paleopatologia, Dipartimento di Oncologia, dei Trapianti e delle Nuove Tecnologie in Medicina, dell’Università di Pisa, per “Antropologia e paleopatologia del cimitero della peste di Alghero”
  • 03/2011-08/2011 Borsa di studio presso la Divisione di Paleopatologia, Dipartimento di Oncologia, dei Trapianti e delle Nuove Tecnologie in Medicina, dell’Università di Pisa, per “Studio antropologico e paleopatologico di un campione di inumati del cimitero di S. Michele in Alghero”
  • 12/2010 Fondazione Mario Tobino: Contratto di Collaborazione occasionale per contributo al volume: Dal monastero allo “Spedale de’ pazzi”. Fregionaia da metà Settecento al 1808
  • 08/2007-08/2010 Assegno di Ricerca presso la Divisione di Paleopatologia, Dipartimento di Oncologia, dei Trapianti e delle Nuove Tecnologie in Medicina, dell’Università di Pisa, per “studio paleopatologico degli incinerati e degli inumati di Porta a Lucca”
  • 01/2009-06/2009 Fondazione Mario Tobino: Contratto di Collaborazione occasionale per didascalie, ricerche storiche e catalogazione degli strumenti scientifici dell’Ex Ospedale Psichiatrico di Fregionaia (Maggiano, Lucca)
  • 03-12/2006 Contratto di ricerca presso la Divisione di Paleopatologia, Dipartimento di Oncologia, dei Trapianti e delle Nuove Tecnologie in Medicina, dell’Università di Pisa, per “studio antropologico dei resti scheletrici delle tombe medicee” e “catalogazione e restauro delle collezioni del Museo di Anatomia Patologica”.

Istruzione universitaria:

  • 2003 – 2006 Dottorato di Ricerca in Archeologia (indirizzo Paleoantropologia e Patocenosi) – Università degli Studi di Pisa, conseguito in data 06/07/2006. Titolo della tesi di Dottorato: “La paleopatologia delle mummie egizie conservate in Italia”. Relatore: Prof. Gino Fornaciari
  • 1999 – 2002 Scuola di Specializzazione in Archeologia (indirizzo Orientale – Curriculum Egittologico-Africanistico) presso l’Università degli Studi di Pisa; Diploma di Specializzazione conseguito in data 25/06/2002, con punti 110/110 e lode. Titolo della tesi di Specializzazione: “Scarabei e altri sigilli-amuleti inediti da una collezione privata”. Relatore: Prof. Edda Bresciani
  • 1994 – 1999 Corso di Laurea in Storia (indirizzo Antico) presso l’Università degli Studi di Genova. Diploma di Laurea conseguito in data 06/07/1999, con punti 110/110 e lode. Titolo della tesi di Laurea: “La dominazione persiana dell’Egitto”. Relatore: Prof. Gianfranco Gaggero

Partecipazione scientifica a progetti di ricerca internazionali e nazionali ammessi al finanziamento sulla base di bandi competitivi che prevedano la revisione tra pari

  • PRA 2018-2019    On the antiquity of cancer: the contribution of paleopathology to the study of ancient tumours
  • Il Museo di Anatomia Patologica: restauro e catalogazione dei reperti – Fase 2. Progetto finanziato dalla Fondazione Pisa
  • Pozzeveri project: scavo e studio bioarcheologico di un’abbazia medievale sulla via Francigena. Progetto finanziato dalla Fondazione Cassa di Risparmio di Lucca. 2017-2018
  • Le sepolture della Cappella Guinigi: studio antropologico e paleopatologico dei resti scheletrici umani. Progetto finanziato dalla Fondazione Cassa di Risparmio di Lucca. 2017-2018
  • PRIN 2015            Diseases, health and lifestyles in Rome: from the Empire to the Early Middle Age (responsabile Unità, 2 mesi)
  • Bando RAS 2010 Progetti di ricerca fondamentale o di base orientata a temi di carattere generale Regione Autonoma Sardegna (assegno di ricerca di 24 mesi)
  • PRIN 2008 Malattia, salute e patocenosi nelle mummie di età medievale, rinascimentale e moderne dell’Italia centro-meridionale (16 mesi, titolare di assegno di ricerca
  • PRIN 2003 Malattia, salute e patocenosi nelle mummie dell’Italia centro-meridionale: programma di paleopatologia (12 mesi, titolare di borsa di dottorato)

Partecipazione a Congressi in qualità di relatore:

  • 27/08-01/09/18   22nd European Meeting of the Paleopathology Association, Zagreb (Croatia)
  • 21-25/05/2018     Extraordinary World Congress on Mummy Studies, Santa Cruz de Teenrife (Canary Islands, Spain)
  • 12/05/2017          III Meeting nazionale GIPaleo, Pisa
  • 29/09-01/10/2016  51° Congresso Nazionale Società Italiana di Storia della Medicina, Padova
  • 31/10/2015          II Meeting nazionale GIPaleo, L’aquila
  • 2-4/10/2014 50° Congresso Nazionale Società Italiana di Storia della Medicina, Palermo
  • 22/03/2014 I Meeting nazionale GIPaleo, L’aquila
  • 27-29/08/2012 19th European Meeting of the Paleopathology Association, Lille
  • 21-23/09/2011 XIX Congresso dell’Associazione Antropologica Italiana, Torino
  • 22-26/8/2010 18th European Meeting of the Paleopathology Association, Vienna
  • 1-4/10/2009 XVIII Congresso dell’Associazione Antropologica Italiana, Firenze
  • 12-14/09/2008 IX Incontro di Studi di Preistoria e Protostoria in Etruria “L’Alba dell’Etruria – fenomeni di continuità e trasformazione nei secoli XII – VIII a. C.”, Valentano (Vt) e Pitigliano (Gr)
  • 19-24/02/2007 VI World Congress on Mummy Studies, Teguise, Lanzatore, Canary Island
  • 19-22/09 2006 Congresso Nazionale della Società Italiana di Storia della Medicina, Pavia
  • 31/03-01/04/06 Convegno Internazionale “DNA antico e paleopatologia”, Roma
  • 2-5/09/2004 V World Congress on Mummy Studies, Torino

Revisore per

  • Naturwissenschaften
  • Clinical and Experimental Rheumatology
  • Scientific Reports
  • International Journal of Osteoarchaeology
  • Acta Medico-Historica Adriatica
  • International Journal of Paleopathology
  • European Journal of Oral Sciences
  • Anthropologischer Anzeiger
  • BMC Evolutionary Biology
  • Anthropological Review
  • Homo
  • Journal of Anesthesia History

Società scientifiche

  • Membro della Società Italiana di Storia della Medicina
  • Membro del Centro Studi Antropologici, Paleopatologici e Storici dei Popoli della Sardegna e del Mediterraneo
  • Membro del GIPaleo, Gruppo Italiano di Paleopatologia
  • Membro della Paleopathology Association
  • Membro del BABAO (British Association for Biological Anthropology and Osteoarchaeology)
  • Centro Interregionale per la Documentazione Bibliografica ed Archivistica Biomedica – Accademia di Storia dell’Arte Sanitaria

Conseguimento di premi

Premio di studio Fondazione Arpa per il progetto: “La paleopatologia dei Medici, Granduchi di Firenze (XV-XVIII secolo)” (2010)

Attivita’ didattica

  • Dall’AA 2016-2017 Titolare del modulo di Storia del pensiero medico e psicologico per il CdL in Scienze e Tecniche di Psicologia Clinica e della Salute
  • Dall’AA 2016-2017 Titolare del modulo di Storia della Medicina per il CdL in Tecniche di Radiologia Medica, per Immagini e Radioterapia
  • Dall’AA 2016-2017 Titolare del modulo di Storia della Medicina per il CdL in Igiene Dentale
  • Dall’AA 2016-2017 Titolare del modulo di Storia della Meidicina per il Cdl in Tecniche di Laboratorio Biomedico
  • Dall’AA 2016-2017 Titolare del modulo di Storia della Medicina per il CdL in OdontoiatriaùDall’AA 2015-2016 Titolare del modulo di Storia della Medicina per il CdL in Medicina e Chirurgia, canale L-Z
  • Dal 2014 organizzazione e docenza per la Summer School in Osteoarchaeology and Paleopathology, Università di Pisa
  • Dal 2009 ad oggi Incarico di docenza per il Master in Bioarcheologia, Paleopatologia e Antropologia Forense della Fondazione Alma Mater, Università di Bologna: 15 ore di lezione su tematiche di paleopatologia e studio delle mummie
  • Dal 2003 ad oggi Attività seminariale per i corsi di Storia della Medicina per i Cdl in Medicina e Chirurgia, Scienze e Tecniche di Psicologia Clinica e della Salute, Tecniche di Laboratorio Biomedico, Tecniche di Radiologia, Igiene Dentale, Ostetricia
  • Dal 2003 ad oggi Attività seminariale per i corsi di Paleopatologia e Archeologia Funeraria per i CdL in Archeologia e Scienze dei Beni Culturali

Correlatore di tesi

  • 22/10/2018          Relatore per tesi triennale dal titolo Analisi paleodemografica del cimitero della peste di Alghero (1582-83), candidata Eleni Bartolotta (Scienze dei Beni Culturali)
  • 22/10/2018          Relatore per tesi triennale dal titolo Analisi tafonomica del cimitero della peste di Alghero (1582-83), candidata Elena Ferraloro (Scienze dei Beni Culturali)
  • 02/10/2018          Relatore per tesi Specialistica dal titolo: Bioarcheologia di un campione di inumati del cimitero della Pieve di Pava (X-XII secolo), candidata Jessica Casaccia (Archeologia)
  • 02/10/2018          Studio bioarcheologico di un campione scheletrico medievale (secoli XI-XIII) dal cimitero di Badia Pozzeveri (Altopascio, Lucca), candidato Alessio Amaro (Archeologia)
  • 04/04/2018          Relatore per tesi Specialistica dal titolo: Bioarcheologia di un campione di 39 individui del cimitero della peste di Alghero (1582-1583), candidata Ileana Buzic (Archeologia)
  • 04/04/2018         Relatore per tesi magistrale dal titolo: Non solo cenere: studio bioarcheologico dei resti cremati della necropoli protostorica di Parrana San Martino (LI), candidata
  • 24/11/2016 Tesi triennale dal titolo: Il cimitero della peste di Alghero (1582-1583): studio bioarcheologico di un campione di inumati, candidata Eva Bernardeschi
  • 06/10/2016 Tesi triennale in Scienze dei Beni Culturali dal titolo: Vada Volaterrana: analisi topografica e antropologica del quartiere di San Gaetano, candidata Giulia Saviano
  • 21/01/2016 Tesi triennale in Scienze dei Beni Culturali dal titolo: La difficile diagnosi della talassemia nel amteriale osteologico, candidata Giovanna di Marco
  • 27/04/2015 Tesi specialistica in Archeologia dal titolo: Bioarcheologia di un campione di inumati del cimitero medievale di Alghero (fine XIII -prima metà XV secolo), candidata Federica Chirco
  • 27/04/2015 Tesi specialistica in Orientalistica dal titolo: Bioarcheologia di un campione di inumati del cimitero della peste di Alghero (1582-1583), candidata Chiara Spiga
  • 07/07/2014 Relatore per tesi specialistica dal titolo: Bioarcheologia di un campione di popolazione basso medievale del castello di Mértola Beja, Portogallo), candidata Deborah Camotti
  • 21/02/2014 Relatore per tesi specialistica dal titolo: Studio bioarcheologico di un campione di inumati del villaggio medievale di Geridu (Sassari, XIV secolo), candidata Daniela Lombardo
  • 14/10/2013 Relatore per tesi specialistica dal titolo: Bioarcheologia di un campione del cimitero della peste di Alghero (1582-1583), candidata Giulia Giovannetti
  • 17/04/2012  Correlatore per tesi triennale dal titolo: Il parto distocico della Granduchessa Giovanna d’Austria (1547-1578), candidata Stella Cortese (ostetricia)
  • 23/02/2012Correlatore per tesi triennale dal titolo: Tecniche di imbalsamazione nell’Egitto del Nuovo Regno. Le mummie di privati, candidata Mary Agatiello
  • 17/11/09  Correlatore per tesi specialistica dal titolo: Le sepolture della necropoli tardoantica di Porta a Lucca (Pisa): studio antropologico e paleopatologico, candidata Antonella Napoletano
  • 04/11/2009  Correlatore per tesi triennale dal titolo: Archeologia funeraria Medievale in Italia centrale, candidato Lorenzo Pretini
  • 04/03/2009  Correlatore per tesi specialistica dal titolo: Studio antropologico e paleopatologico di un campione di inumati della necropoli tardoantica di Porta a Lucca (Pisa), candidata Romina De Mattei
  • 04/03/2009  Correlatore per tesi specialistica dal titolo: La necropoli Villanoviana di Porta a Lucca (IX-VIII secolo a.C.): l’applicazione della Tomografia Computerizzata (TC) al microscavo archeologico delle urne, candidata Jasmine Bagnoli

Esperienze di scavo archeologico:

  • 09/2008 Scavo dell’area cimiteriale della chiesa di S. Michele a Benabbio (Lucca)
  • 08/2007 Scavo dell’area cimiteriale della chiesa di S. Michele a Benabbio (Lucca)
  • 08/2006   Scavo del cimitero post medievale della pieve di S. Giovanni Battista a Pieve dei Monti di Villa (Lucca)
  • 08/2005   Scavo del cimitero post medievale della pieve di S. Giovanni Battista a Pieve dei Monti di Villa (Lucca)
  • 05/2004   Scavo del cimitero post medievale della pieve di S. Giovanni Battista a Pieve dei Monti di Villa (Lucca)
  • 09/2001   Scavo di un quartiere portuale di epoca romana a Vada Volaterrana (Livorno)
  • 04/2000 Scavo didattico di una casa-torre medievale a S.Cristina (Pisa)
  • 05/2000 Ricognizione archeologica a S. Marcello Pistoiese (Pistoia)
  • 07/1995 Scavo di una conceria medievale presso la Fortezza del Priamar (Savona)

Pubblicazioni:

Articoli in rivista

  • GAETA R., FORNACIARI A., IZZETTI R., CARAMELLA D., GIUFFRA V., Severe atherosclerosis in the natural mummy of Girolamo Macchi (1648-1734), “major writer” of Santa Maria della Scala Hospital in Siena (Italy), Atherosclerosis, in press
  • FORNACIARI A., GIUFFRA V., The cholera pandemic of 1854-55 in Tuscany and the cholera cemetery of the village of Benabbio, Medicina nei Secoli, in press
  • GIUFFRA V., VITIELLO A., FORNACIARI A., Saint Attinia and Saint Greciniana: osteoarchaeology of two Paleochristian Saints from Volterra (central Italy), Medicina nei secoli, in press
  • SANTIAGO-RODRIGUEZ T.M., FORNACIARI G., LUCIANI S., TORANZOS G.A., MAROTA I., GIUFFRA V., PACE J., CANO R.J., Tetracycline-like resistome of ancient human guts, Human Microbiome Journal 2018, in press
  • FORNACIARI A., GIUFFRA V., MONGELLI V., CARAMELLA D., FORNACIARI G., Cautery in medieval surgery: unique palaeopathological case in an 11th century Italian Saint pilgrim, The Lancet 2018, 392: 1111 (F.=39.207)
  • Minozzi S., Lunardini A., Caldarini C., Caramella D., Fornaciari G., Catalano P., Giuffra V. Metastatic prostate carcinoma from Imperial Rome (1st-2nd centuries A.D.), Pathobiology 2018, in press
  • TULUMELLO G., RICCOMI G., MINOZZI S., LONGO S., LONGO M., GIUFFRA V. Linear cutting trepanation in Italy: a unique case from Hellenistic Sicily (3rd century BC), World Neurosurgery 116, 2018, pp. 116-120 (F.=2.685)
  • FORNACIARI A., GAETA R., GIUFFRA V. Leprosy in the Pisan fresco “Triumph of the death” (1336-1341), Journal of Infection 77(6), 2018, pp.75-81 (F.= 4.382)
  • RICCOMI G., GIUFFRA V. First portrait of a syphilitic patient: Ulrich von Hutten, The American Journal of Medicine 131 (6), 2018, pp.714-715 (F.= 5.550)
  • GIUFFRA V., MILANESE M., BANDIERA P. Congenital anomalies in a Sardinian population of 16th century Sardinia (Italy), Medicina Historica 1(3), 2018, pp.173-178
  • Bocca B., Forte G., Giuffra V., Serra R.M., Asara Y., Farace C., Milanese M., Tognotti E., Montella A., Bandiera P., Madeddu R. Metals in bones of the Middle Aged inhabitants of Sardinia island (Italy) to assess nutrition and environmental exposure, Environmental Science and Pollution Research 25, 2018, pp.8404-8414 (F.= 2.741)
  • RICCOMI G., FORNACIARI G., MINOZZI S., ARINGHIERI G., GIUFFRA V. A rare case of osteoblastoma from Medieval Tuscany, Lancet Oncology 19, 2018, p.26 (F.= 33.900)
  • Patterson Ross Z., Klunk J., Fornaciari G., Giuffra V., Duchene S., Duggan A., Debi Poinar D., Douglas M., Eden J.-S., Holmes E.C., Poinar H., The paradox of HBV evolution as revealed from a 16th century mummy, PLOS Pathogens 14, 2018 (F.= 6.608)
  • RICCOMI G., MINOZZI S., PANTANO W., CATALANO P., CARAMELLA D., GIUFFRA V., Paleopathological evidences of paranasal lesions: two cases of osteoma of the frontal sinus from Imperial Rome, International Journal of Paleopathology 20, 2018, pp.60-64 (F.= 0.788)
  • FORNACIARI A., GIUFFRA V., ARMOCIDA E., CARAMELLA D., RUHLI F.J., GALASSI F.M., Gout in Duke Federico of Montefeltro (1422-1482). A new pearl of the Italian Renaissance, Clinical and Experimental Rheumatology 36(1), 2018, pp.15-20 (F.= 2.973)
  • SANTIAGO-RODRIGUEZ T.M., FORNACIARI G., LUCIANI S., TORANZOS G.A., MAROTA I., GIUFFRA V., PACE J., CANO R.J., Gut microbiome and putative resistome of Incan and Italian nobility mummies, Genes 8, 2017, p.310 (I.F.= 3.600)
  • GIUFFRA V., FORNACIARI G., Trepanation in Italy: a review, International Journal of Osteoarchaeology 27, 2017, pp745-767 (F.=1.07)
  • GAETA R., GIUFFRA V., FORNACIARI G., Cancer in the Renaissance court of Naples, The Lancet Oncology 18(8), e432 (F.= 33.900)
  • RICCOMI G., FORNACIARI G., VITIELLO A., BINI A., CARAMELLA D., GIUFFRA V., Trepanation to treat a head wound: a case of neurosurgery from 13th century Tuscany, World Neurosurgery 104, pp. 4-6 (F.=2.685)
  • GAETA R., FORNACIARI A., GIUFFRA V., ‘Renal calculi as big as eggs’: urolithiasis and chronic kidney disease of Ludovico I, Marquis of Saluzzo (1406-1475), Urology 103, pp. 4-6 (F.= 2.187)
  • GAETA R., BRUSCHI F., GIUFFRA V., The painting of St. Roch in the picture gallery of Bari (15th century): an ancient representation of dracunculiasis? Journal of Infections 74, 2017, pp. 519-521 (F.= 4.382)
  • MINOZZI S., PANETTA D., De SANCTIS M., GIUFFRA V., A dental prosthesis from the Early Modern Age in Tuscany (Italy), Clinical Implant Dentistry and Related Research 19, 2017, pp. 365-371 (F.=4.152)
  • GIUFFRA V., MONTELLA A., MILANESE M., TOGNOTTI E., BANDIERA P., Atlas occipitalization associated with other anomalies in a 16th century skeleton from Sardinia (Italy), Folia Morphologica 76(1), 2017, 123-127 (F.= 0.469)
  • GIUFFRA V., MINOZZI S., VITIELLO A., FORNACIARI A. On the history of gout: paleopathological evidences from the Medici family of Florence, Clinical and Experimental Rheumatology 35(2), 2017, pp.321-326 (F.= 2.973)
  • GIUFFRA V., FORNACIARI A., MINOZZI S., VITIELLO A., FORNACIARI G., Autoptic practices in 16th-18th century Florence: skeletal evidences from the Medici family, International Journal of Paleopathology 15, 2016, pp.21-30 (F.= 0.788)
  • QUALLS C., BIANUCCI R., LEGEROS R., BROMAGE T., LANZIROTTI A., GIUFFRA V., FERROGLIO E., FORNACIARI G., APPENZELLER O., Neurotoxins during the Renaissance. Bioarchaeology of Ferrante II of Aragon (1469-1496) and Isabella of Aragon (1470-1524), Journal of Archaeological Science: Reports 5, 2016, pp. 542-546
  • GIUFFRA V., MONTELLA A., TOGNOTTI E., MILANESE M., BANDIERA P., Posterior arch defect of the atlas associated to absence of costal element of foramen transversarium from 16th century Sardinia (Italy), Spine 41, 2016, pp.182-184 (F.=2.297)
  • GIUFFRA V., VITIELLO A., CARAMELLA D., FORNACIARI G., A possible case of Garre’s sclerosing osteomyelitis from Medieval Tuscany (11-12th centuries), International Journal of Paleopathology 11, 2015, pp.51-55 (F.= 0.788)
  • GIUFFRA V., BIANUCCI R., MILANESE M., TOGNOTTI E., MONTELLA A., CARAMELLA D., FORNACIARI G., BANDIERA P., Sclerosing bone dysplasia from 16th century Sardinia (Italy): a possible case of Camurati-Engelmann disease. International Journal of Osteoarchaeology 23, 2016, pp.830-841 (F.=1.07)
  • BIANUCCI R., LOPES TORRES E.J., DUTRA SANTIAGO J.M.F., FERREIRA L.F., NERLICH A., MENDONÇA S., GIUFFRA V., CHIEFFI P.P., BASTOS O.M., TRAVASSOS R., DE SOUZA W., ARAUJO A., Trichuris trichiura in a post-Colonial Brazilian mummy, Memorias do Instituto Oswaldo Cruz 110(1), 2015, pp. 145-147 (IF = 1.566)
  • GIUFFRA V., FORNACIARI G., Pulverized human skull in pharmacological preparations: possible evidence from the ”martyrs of Otranto” (southern Italy, 1480), Journal of Ethnopharmacology 160, 2015, pp.133-139 (IF = 2.939)
  • FORNACIARI G., GIUFFRA V., BORTOLOTTI F., GOTTARDO R., MARVELLI S., MARCHESINI M., MARINOZZI S., FORNACIARI A., BROCCO G., TAGLIARO F., A medieval case of digitalis poisoning: the sudden death of Cangrande della Scala, Lord of Verona (1291-1329), Journal of Archaeological Science 54, 2015, pp. 162-167 (IF = 2.139)
  • GIUFFRA V., An 18th century Tuscan pharmacy: analysis of the library, Acta Medico-Historica Adriatica 13(1), 2015, pp.21-40
  • GIUFFRA V., PEJRANI L., SUBBRIZIO M., FORNACIARI G., Weapon-related cranial lesions from Medieval and Renaissance Turin, Italy, International Journal of Osteoarchaeology 25, 2015, pp.690-700 (I.F.=1.07)
  • GIUFFRA V., VITIELLO A., CARAMELLA D., FORNACIARI A., GIUSTINI D., FORNACIARI G., Rickets in a high social class of Renaissance Italy: the Medici children, International Journal of Osteoarchaeology 25, 2015, pp. 608-624 (I.F.=1.07)
  • MARINOZZI S., GIUFFRA V., KIEFFER F., Baccio Baldini (1517-1589), protomedico alla Corte Medicea tra umanesimo e sperimentalismo, Acta Medico-Historica Adriatica 13(2), 2015, pp.345-364
  • VITIELLO A., FORNACIARI A., GIUSIANI S., FORNACIARI G., GIUFFRA V., The Medici children (Florence, XVI-XVII centuries): anthropological study and proposal of identification, Medicina nei Secoli 27(1), 2015, pp. 29-50
  • GIUFFRA V., VITIELLO A., CARAMELLA D., FORNACIARI G., A possible case of Garre’s sclerosing osteomyelitis from Medieval Tuscany (11-12th centuries), International Journal of Paleopathology 11, 2015, pp.51-55 (I.F.= 0.788)
  • KAY G., SERGEANT M., GIUFFRA V., BANDIERA P., MILANESE M., BRAMANTI B., BIANUCCI R., PALLEN M.J., Recovery of a Brucella melitensis genome from medieval human remains using shotgun metagenomics, mBio 5(4), 2014, e01337-14 (IF = 5.621)
  • CASTAGNA M., GIUFFRA V., FATTORI S., VITIELLO A., CARAMELLA D., GIUSTINI D., FORNACIARI G., Rickets at the Medici court of Florence: the case of Don Filippino (1577-1582), Medicina nei Secoli 26(3), 2014, pp. 753-766
  • LANZIROTTI A., BIANUCCI R., LEGEROS R., BROMAGE T., GIUFFRA V., FERROGLIO E., FORNACIARI G., APPENZELLER O. Assessing heavy metal exposure in Renaissance Europe using synchrotron microbeam techniques, Journal of Archaeological Science 52, 2014, pp. 204-217 (IF = 1.914)
  • GIUFFRA V., BIANUCCI R., MILANESE M., TOGNOTTI E., MONTELLA A., CARAMELLA D., FORNACIARI G., BANDIERA P., A case of Brachymetatarsia from Medieval Sardinia (Italy), Anatomical Record 297(4), 2014, pp.650-652 (IF = 1.343)
  • GIUFFRA V., PANETTA D., SALVADORI P.A., FORNACIARI G., A historical case of amelogenesis imperfecta: Giovanna from Austria, Grand Duchess of Tuscany (1548-1578), European Journal of Oral Sciences 122, 2014, pp.1-6 (IF = 1.42)
  • BIANUCCI R., BENEDICTOW O., FORNACIARI G., GIUFFRA V., Quinto Tiberio Angelerio (1532–1617): New Rules for Controlling Plague Epidemics in 16th Century Alghero (Sardinia), Emerging Infectious Diseases 19(9), 2013, pp.1478-1483 (I.F.=6.169)
  • GIUFFRA V., BIANUCCI R., MILANESE M., FORNACIARI G. A probable case of non-syndromic brachycephaly from 16th century Sardinia (Italy), International Journal of Paleopathology 3, 2013, pp.134-137
  • GIUFFRA V., BIANUCCI R., MILANESE M., FORNACIARI G. A Peculiar Pattern of Musculoskeletal Stress Markers in a Skeleton from 16th Century Sardinia: a Galea Rower of the Alghero seaport? Medicina dello Sport 66(3), 2013, pp.443-460 (IF = 0.294)
  • GIUFFRA V., Surgical pain management at the medical School of Salerno (11th-13th centuries), Vesalius XIX(1), 2013, pp.31-36
  • GIUFFRA V., VITIELLO A., CARAMELLA D., FORNACIARI A., GIUSTINI D., FORNACIARI G., Rickets in a high social class of Renaissance Italy: the Medici children, International Journal of Osteoarchaeology 2013, DOI: 10.1002/oa.2324 (I.F.=1.085)
  • GIUFFRA V., PEJRANI L., SUBBRIZIO M., FORNACIARI G., Weapon-related cranial lesions from Medieval and Renaissance Turin, Italy, International Journal of Osteoarchaeology 2013, DOI: 10.1002/oa.2334 (I.F.=1.085)
  • FORNACIARI G., GIUFFRA V., The “Gout of the Medici”: making the modern diagnosis using palaeopathology, Gene 528, 2013, pp. 46-50 (I.F.=2.341)
  • GIUFFRA V., FORNACIARI G., I tumori in paleopatologia: l’evidenza dalle mummie, Medicina nei Secoli 25/1, 2013, pp.35-50
  • GAETA R., GIUFFRA V., FORNACIARI G. Atherosclerosis in the Renaissance èlite: Ferrante I king of Naples (1431-1494), Virchows Archiv 462, 2013, pp.593-595 (I.F.=2.491)
  • BIANUCCI R., BACHMEIER B., GIUFFRA V., BALL M., PUSCH C. M., FORNACIARI G., NERLICH A., Eleonora of Toledo (1522- 1562): evidence for tuberculosis and leishmaniasis co-infection in Renaissance Italy, International Journal of Paleopathology 2, 2012, pp.231-235
  • GIUFFRA V., FORNACIARI G., Developmental hip dysplasia in the Medici family: Giovanna from Austria (1548-1578) and her daughter Anna (1569-1584), Hip International 23 (1), 2013, pp.108-109 (I.F.=0.763)
  • GIUFFRA V., FORNACIARI G., Breast-feeding and weaning in Renaissance Italy: the Medici children, Breast-feeding Medicine 8(3), 2013, pp. 257-262 (I.F.=1.651)
  • FORNACIARI G., GIUFFRA V., Tumors of soft tissues in paleopathology: a review, Pathobiology 79, 2012, pp.257-267 (I.F.=2.291)
  • NERLICH A., BIANUCCI R., TRISCIUOGLIO A., SCHÖNIAN G., LÖSCH S., BALL M., GIUFFRA V., PUSCH C. M., FERROGLIO E., FORNACIARI G., Visceral leishmaniasis during the Italian Renaissance, 1522-1562, Emerging Infectious Diseases 18(1), 2012, pp.184-186 (I.F.=6.169)
  • FORNACIARI A., GIUFFRA V., Surgery in the Early Middle Ages: evidence of cauterisation from Pisa, Surgery 2012, pp.351-352 (I.F.=3.406)
  • GIUFFRA V., FORNACIARI A., MARVELLI S., MARCHESINI M., FORNACIARI G., VITIELLO A., The children of the Medici Granduches of Florence: embalming in Renaissance Italy (XVI-XVII century), Atti della Società Toscana di Scienze Naturali – Memorie serie B 118, 2011, pp.81-88
  • FORNACIARI G., FONTECCHIO G., VENTURA L., PAPOLA F., TROMBETTA I., GIUFFRA V., The rheumatoid arthritis of Cardinal Carlo de’ Medici (1595-1666): a confirmed macroscopic, radiologic and molecular diagnosis, Clinical and Experimental Rheumathology 30, 2012, pp.12-22 (I.F.=2.270)
  • GIUFFRA V., SBRANA F., CARAMELLA D., GIUSTINI D., TIXIER B., FORNACIARI G., Syndromic craniosynostosis in a Modern Age skeleton from Siena, Italy: paleopathological and radiological study, Journal of Craniofacial Surgery (5), 2011, pp.1743-1745 (I.F.= 0.772)
  • GIUFFRA V., VENTURA L., MINOZZI S., LUNARDINI A., QUARESIMA R., ARRIZZA L., FORNACIARI G., Renal calculosis of Pandolfo III Malatesta (1370-1427), Lord of Fano (Marche, Central Italy), American Journal of Medicine 124(12), 2011, pp.1186-1187 (I.F.= 5.115)
  • MARINOZZI S., GAZZANIGA V., GIUFFRA V., FORNACIARI G., Historical sources about dise


Gino Fornaciari


Ruoli nella Divisione

  • Docente della Summer School in Osteoarchaeology and Paleopathology
  • Direttore della Field School Pozzeveri in Medieval Archaeology and Bioarchaeology
  • Responsabile scientifico
  • Docente del Corso di Perfezionamento sullo Studio delle Mummie
  • Docente del Master in Antropologia Scheletrica
    Forense e Paleopatologia

Gino Fornaciari


Visita il profilo del prof. Gino Fornaciari su ORCID scansionando il codice QR

Vai alla pagina personale del prof. Fornaciari su Unimap

Curriculum breve
Nato a Viareggio nel 1945, Gino Fornaciari si è laureato nel 1971 in Medicina e Chirurgia, con lode, all’Università di Pisa. Nell’Istituto di Anatomia Patologica dell’Ateneo pisano è entrato come studente interno nel 1969, dove ha iniziato e completato la propria carriera accademica: assistente incaricato, assistente ordinario, professore associato di Anatomia Patologica e professore ordinario di Storia della Medicina fino all’ottobre 2015, data del suo collocamento a riposo. Gino Fornaciari ha ricoperto anche le cariche di direttore del Museo di Anatomia Patologica e di coordinatore del Polo Museale storico del Sistema Museale d’Ateneo. Attualmente è titolare degli insegnamenti di Paleopatologia e di Archeologia Funeraria.
Gino Fornaciari è stato fra i fondatori della moderna Paleopatologia, insieme ai paleopatologi americani Arthur C. Aufderheide, Marvin Allison ed Enrique Gerstzen, all’italiano Antonio Ascenzi e allo storico della medicina Mirko D. Grmek, dell’École des Hautes Études di Parigi.
Oltre alla Paleopatologia in generale, si è dedicato allo studio delle mummie e alla ricerca di antichi agenti batterici e virali. Di grande importanza scientifica fu nel 1986 la scoperta del virus del vaiolo umano in un corpo mummificato del XVI secolo e nel 1989 di treponemi sifilitici della stessa epoca; nel 1992, individuò per primo in una mummia Inca del XIV secolo, il protozoo parassita Trypanosoma cruzi, agente eziologico della malattia di Chagas. Nel 2003 ha amplificato e sequenziato, per la prima volta in una mummia, il virus del papilloma umano (HPV) e nel 2015, in collaborazione con il Center for Applications in Biotechnology della California Polytechnic State University, ha dimostrato la presenza di resistenza agli antibiotici in una mummia precolombiana di oltre 1000 anni fa.
Nel 1996 dimostrò la mutazione dell’oncogene K-RAS  nel tumore che uccise il re di Napoli Ferrante I di Aragona nel 1494, scoperta che costituisce tuttora un vero e proprio unicum in Paleopatologia.
L’11 novembre 2006 ha tenuto, presso il Cosmos Club di Washington DC,  la prestigiosa “Stowell Lecture”, sotto l’egida dell’Armed Forces Institute of Pathology (AFIP), e nel 2013 le riviste Smithsonian Magazine di Washington, e Science hanno dedicato lunghi editoriali e la copertina all’attività di ricerca ed alle scoperte del professor Fornaciari e del suo gruppo di studio.
Gino Fornaciari ha istituito a Pisa nel 1994 il primo Corso di Perfezionamento in Paleopatologia in Italia e nel 2004 ha fondato e diretto la Divisione di Paleopatologia dell’Ateneo pisano.
A partire dal 2009, insieme alle Università di Bologna e di Milano, ha organizzato il primo Master in Italia in Bioarcheologia, Paleopatologia ed Antropologia Forense.
Dal 2011 al 2015 è stato co-Direttore, insieme all’antropologo Clark Spencer Larsen della Ohio State University, della Field School Pozzeveri in Medieval Archaeology and Bioarchaeology e, dal 2014 al 2015, Direttore della Summer School in Osteoarchaeology and Paleopathology, entrambe scuole internazionali per studenti e dottorandi italiani e stranieri.
Gino Fornaciari ha diretto negli anni ’80 l’esplorazione e lo studio delle mummie delle tombe aragonesi nella basilica di San Domenico Maggiore in Napoli (secoli XV e XVI) ed è stato, negli anni 2004-2008, direttore scientifico del “Progetto Medici”, che ha visto l’esplorazione delle tombe nelle Cappelle Medicee della Basilica di S. Lorenzo a Firenze e lo studio paleopatologico completo della celebre famiglia fiorentina.
Infine, Gino Fornaciari ha condotto numerose missioni scientifiche in Italia e all’estero (Egitto, Messico) ed è autore di oltre 600 lavori, prevalentemente su riviste internazionali.
Nel 2016 il Senato accademico dell’Università di Pisa ha insignito il professor Gino Fornaciari dell’Ordine del Cherubino.

Posizioni attuali:
-Professore di Paleopatologia, Corso di Laurea magistrale in Archeologia e triennale in Scienze Naturali ed Ambientali, Università di Pisa
-Professore di Archeologia Funeraria, Corso di Laurea triennale in Scienze dei Beni Culturali, Università di Pisa
-Responsabile scientifico della Divisione di Paleopatologia, Università di Pisa
-co-Direttore della Field School Pozzeveri in Medieval Archaeology and Bioarchaeology, una scuola internazionale con 35 studenti, specializzandi e dottorandi americani e 10 istruttori italiani ed americani
-Docenze: Master di I Livello in Bioarcheologia, Paleopatologia ed Antropologia Forense, Università di Bologna, Milano e Pisa; Scuola di Dottorato in Scienze dell’Antichità, Università di Pisa; Field School Pozzeveri in Medieval Archaeology and Bioarchaeology, Summer School in Osteoarchaeology and Paleopathology e Corso di Perfezionamento sullo Studio delle Mummie, Università di Pisa

Posizioni precedenti:
-2002-2015 Professore Ordinario di Storia della Medicina, Università di Pisa
-2014-2015 Direttore della Summer School in Osteoarchaeology and Paleopathology, una Scuola internazionale di Bioarcheologia con 12 studenti
-2012-2015 Coordinatore del III Polo Museale Storico, Università di Pisa
-2002-2015 Direttore, Museo di Anatomia Patologica, Università di Pisa
-2008-2015 Direttore, Divisione di Paleopatologia, Università di Pisa
-2008-2013 Vice-Direttore Divisione di Anatomia Patologica e Diagnostica Molecolare ed Ultrastrutturale, Azienda Ospedaliero Universitaria Pisana
-1992-2015 Dirigente Medico di I° Livello, Divisione di Anatomia Patologica e Diagnostica Molecolare ed Ultrastrutturale, Azienda Ospedaliero Universitaria Pisana
-1992-2002 Professore Associato di Anatomia e Istologia Patologica,Università di Pisa
-1993-1999 Direttore, Corso di Perfezionamento in Paleopatologia, Università di Pisa
-1971-1973 Assistente, Istituto di Anatomia Patologica, Università di Pisa
-1992-1996 Aiuto, Istituto di Anatomia Patologica, Università di Pisa
-1984-1991 Professore a contratto di Paleopatologia

Incarichi attuali:
-Presidente del Guppo Italiano di Paleopatologia, nella Società Italiana di Anatomia Patologica e Citologia
-Consiglio Direttivo della Sezione di Storia della Tanatologia dell’Istituto Storico Lucchese;
-Consiglio Scientifico dell’Associazione per la Diffusione della Cultura Scientifica e Tecnologica “La Limonaia”, Pisa;

Società Scientifiche:
-Accademia di Storia dell’Arte Sanitaria (socio onorario)
-Accademia dei Sepolti (socio corrispondente)
-Associazione Antropologica Italiana
-British Association of Biological Anthropology and Osteoarchaeology
-Istituto Italiano di Paleontologia Umana
-Istituto Storico Lucchese
-Paleopathology Association
-Paleopathology Club
-Sezioni di Storia della Medicina e di Storia della Tanatologia, Istituto Storico Lucchese (socio onorario)
-Società Toscana di Scienze Naturali
-Società Boema di Storia delle Scienze (socio onorario)
-Società Italiana di Storia della Medicina
-Società degli Archeologi Medievisti Italiani
-Società Italiana di Anatomia Patologica e Citologia Diagnostica
-Società Italiana di Antropologia ed Etnologia

Associate editor:
-International Journal of Paleopathology

Editorial Board per le Riviste:
-Acta Medico-Historica Adriatica, Croatia
-Archeologia Postmedievale
-Archeologia Viva
-Archivio per l’Antropologia e la Etnologia
-Journal of Paleopathology
-Medicina nei Secoli
-Paralleli e Meridiani
-Rivista di Storia della Tanatologia
-Romanian Journal of Legal Medicine, Romania

Premi scientifici:
-Radiological Society of North America
-Sociedad Iberoamericana de Endoscopia Ginecologica e Imagenes
-Associazione Antropologica Italiana, 2009
-Società Italiana di Radiologia Medica, 2010

Onorificenze:
Ufficiale al Merito della Repubblica Italiana, 1982